domenica 1 febbraio 2015

Letture di Gennaio.



Anno nuovo e si ricomincia con un breve sunto delle cose lette mese, mese. Gennaio non è stato generoso nella quantità ma della qualità non mi posso lamentare, tra gli altri ho letto per la prima volta un libro di Doris Lessing. Ecco il resto:

Cecilia Randall: Millennio di fuoco, Seija.
Il fantasy mischiato alla storia, come già l'autrice italiana aveva fatto nei suoi libri precedenti, mi ha catturato ancora una volta. Immaginare l'Europa alle soglie dell'anno duemila ma ancora ferma al medio evo è un idea affascinante. La protagonista, Seija, mi è piaciuta molto, è una donna forte ma non per questo non ha debolezze, anzi. L'unica nota negativa, almeno per il momento, della storia è qualcosa che accade nell'epilogo, non avrei fatto una determinata scelta. Ma, mani alzate, so che è solo il primo volume quindi ho modo di ricredermi. Raivo è lì che aspetta nei libri in attesa.

Nota a margine:
(metto tra parantesi un interrogativo che mi è venuto leggendo: nel libro c'è una guerra permanente e le battaglie a colpi di spade, asce e quant'altro si susseguono, vi garantisco che non vengono risparmiati i dettagli. la mia perplessità sta nel fatto che in libreria sta nella sezione ragazzi. forse un po' troppo forte o sono io che sono anziano?)

Doris Lessing: Le nonne.
Ispirato dal film tratto a sua volta dal primo racconto ho letto per la prima volta la scrittrice inglese. Sono tre racconti: i primi due mi sono piaciuti molto, nonostante io non sia un amante della forma racconto, il terzo mi ha tediato un filo verso la fine. Sono tutti e tre venati da una certa amarezza, sono molto efficaci certe descrizioni. Lo stile l'ho trovato asciutto: dritta al cuore senza troppi giri di parole, non per niente è stata un premio nobel. Leggerò sicuramente altro.

J.K. Rowling: Harry Potter and the prisoner of Azkaban.
Continua la rilettura in inglese e è sempre tutto molto bello Di questo terzo volume non ricordavo alcuni passaggi e di altri ricordavo le cose completamente sbagliate. È stato come leggerlo per la prima volta.


Ho deciso che quest'anno me la prendo comoda, ho un sacco di libri lunghi da leggere quindi dubito che riuscirò ad avere un passo sostenuto. Va bene così, l'importante è leggere roba bella.

Nessun commento:

Posta un commento