giovedì 3 aprile 2014

Letture di Marzo.

Mese interessante questo marzo dal punto di vista delle letture.

Jon Krakauer: Aria sottile. Era tanto che volevo leggere il libro di Krakauer sulla sua scalata all'Everest. È un ottimo reportage, descrive in dettaglio com'è ascendere alla vetta più alta del mondo, cosa spinge un uomo o una donna a voler tentare un impresa del genere nonostante i rischi, i pericoli e i disagi sovrastino la gioia di arrivare fin lì su.

Terry Brooks: Wards of Faerie. Il primo volume della trilogia The dark legacy of Shannara mi ha preso fin da subito facendomi ritrovare posti che conosco molto bene dalla precedente produzione di Terry Brooks. Ci sono nuovi personaggi, ci sono rimandi a vecchi personaggi, c'è il mondo creato dallo scrittore americano in tanti anni. L'ho scritto tante volte: per me è come tornare a casa.

Alessandro De Roma: La mia maledizione. Ho letto tutti i libri dello scrittore sardo e confesso che avevo aspettative alte, fino ad ora infatti, i suoi libri mi sono piaciuti molto con differenze di gradimento. La mia maledizione guadagna la migliore posizione: mi è piaciuta molto la storia, parla di amicizia, amore, vita ma lo fa con una certa vena amara che pervade tutto il romanzo. Il legame tra i due protagonisti appare sbilenco, a tratti malato ma nella sua stranezza sa essere poetico.
Il romanzo guadagna punti in più perché parla di posti e situazioni familiari, in alcuni casi ho calcato gli stessi posti.

Brandon Stanton: Humans of New York. Il migliore del mese. HONY è un libro fotografico messo insieme da Brandon Stanton, fotografo americano. Nel 2010 dopo aver perduto il lavoro ha deciso di dedicarsi alla sua vera passione e dopo aver girovagato un po' ha deciso di fermarsi a New York. Qui ha incominciato a fotografare le persone che incontrava per strada. Il vero salto di qualità l'ha fatto quando ha iniziato anche a chiedere qualcosa ai suoi soggetti, mettendo la risposta a commento delle foto. Con le sue foto Brandon è capace di raccontare tantissime storie, storie di persone come me o voi che vivono nella grande mela e che hanno deciso di condividere con l'autore un pezzetto della loro vita. Vi consiglio vivamente di visitare il suo sito o iscrivervi alla pagina su Facebook. Merita. (l'ho scoperto grazie all'amico Sergio che l'ha suggerito appunto sul social network. In mezzo a tante cose inutili ogni tanto ecco che arrivano cose interessanti)


Terry Brooks: Bloodfire quest. Secondo volume della trilogia di Terry Brooks. Forse più avvincente del primo, mi ha tenuto ben incollato alla pagina. L'unica nota dolente è che si conclude, chiaramente, con un cliffhanger e prima di leggere il terzo non saprò come si concluderanno le vicende dei protagonisti. Aspetto però, avevo bisogno di staccare un momento.

In lettura Portami a casa di Jonathan Tropper.

Nessun commento:

Posta un commento