sabato 2 novembre 2013

Letture di Ottobre.

1) Stephen King: Shining. Una mezza delusione, credo che le aspettative fossero troppo alte. L'ho trovato lento e poco inquietante, peccato. So che non posso liquidare Shining con queste poche parole, gli dedicherò un post a breve.

2) Francesco Abate: Un posto anche per me. Bello, bello. La rivelazione di questo mese. Mi sono ritrovato in tante cose sia della storia che del protagonista. un libro amaro di fondo ma che ti fa anche tanto ridere. Ne ho parlato in lungo e in largo nei due post precedenti.

3) Tess Gerritsen: Lezioni di morte. Una altra mezza delusione. mi aspettavo che l'essere donna sia dell'autrice che della protagonista portasse una sensibilità un po' diversa, invece si cadde nei soliti stereotipi del genere. Proseguirò la serie, ma spero in qualcosa di più.

4) Jacqueline Carey: Kushiel's mercy. E qui si apre un mondo: non è il migliore della Carey, forse, però chiude il cerchio della storia, mi sono emozionato e entusiasmato e alla fine è scesa anche qualche lacrima. ah! potenza dei libri.

5) Francesco Abate: Chiedo scusa. Mi aspettavo qualcosa di più. non ho riso come per Un posto anche per me. Il tema è forte, ben raccontato, meno ilarità del successivo, molto istruttivo.


Ottobre: un buon mese con letture molto valide. Ci sarebbe da dedicare più spazio al libro di Jacqueline Carey per tutta una serie di motivi che riguardano la pubblicazione italiana e la mia scelta di finire la seconda trilogia in inglese. Lo farò in un post apposito, si tratterà di pesare le parole ma è una cosa alla quale tengo.

Nessun commento:

Posta un commento