venerdì 4 ottobre 2013

Letture di settembre.

Un mese magro questo settembre sebbene abbia letto bei libri.

Terry Brooks: The measure of magic. Lo scrivo sempre, sono un disco rotto, ma per me lui è casa. I suoi libri so dove mi porteranno e mi piace dove arriverò.

Richard Matheson: Tre millimetri al giorno. Inquietante, soprattutto quando il protagonista si ritrova ad affrontare il ragno, per chi ne ha fobia può essere una lettura terrorizzante. Di Mattheson fino ad ora avevo letto solo Io sono leggenda che mi era piaciuto molto sia per le tematiche che per lo stile. In entrambi ho trovato, considerando quando sono stati scritti i libri, interessante come Mattheson ha trattato il tema delle urgenze sessuali dei due protagonisti nei due romanzi. Il mio primo pensiero quando ho letto quei passaggi è stato: “risolvila da solo e pace”, invece in entrambi i libri sono momenti rilevanti della trama e nella psicologia dei personaggi. Matheson ha scrittura efficace, non sente il bisogno di stupirti con fuochi d'artificio, arriva lo stesso al punto.

Bjorn Larsson: La vera storia del pirata Long John Silver. Bello, bello, soprattutto per chi ha letto L'isola del tesoro di Stevenson. Questo libro ti permette di navigare attraverso l'atlantico, girare per i Caraibi, vivi con i pirati, ti diverti ma ti fa anche pensare quando si arriva al tema delle navi negriere, descritte con accuratezza e senza risparmiarci i particolari più macabri. L'ingenuità spingerebbe a pensare: “per fortuna sono accadimenti di trecento anni”, invece i fatti di questi ultimi giorni ci smentiscono ampiamente. Vien da pensare.

Bjorn Larsson: L'ultima avventura del pirata Long John Silver. Una storiella d'appendice. Niente di che ma capisco che chi l'ha letta a distanza di anni possa aver trovato delle piacevoli sensazioni. Larsson è un grande scrittore che sicuramente approfondirò.


In lettura ho Stephen King con Shining. È il trentaquattresimo libro che leggo dello scrittore del Maine, era il momento giusto per colmare questa lacuna. Vediamo come andrà.

Nessun commento:

Posta un commento