giovedì 13 dicembre 2012

Farscape.




Nella mia costante ricerca di cose di fantascienza quest'estate passata ho deciso di provare a guardare Farscape.
Il motivo per il quale ho scelto Farscape sono Ben Browder e Claudia Black, per chi è appassionato del genere dovrebbe conoscere entrambi, per chi è a digiuno, va detto che sono stati due tra i protagonisti di Stargate SG1, nelle stagioni conclusive. Mi sono piaciuti molto nella serie dell'MGM e quindi mi è parso naturale guardare da dove sono partiti.
In breve: Browder interpreta John Crichton astronauta terrestre che durante un esperimento in orbita sopra la Terra viene catturato da un tunnel spaziale e si ritrova catapultato in una galassia sconosciuta, dove si ritroverà coinvolto nelle vite di diversi alieni che lo accompagneranno nel tentativo di tornare sulla terra.
Non mi è piaciuta molto. L'ho trovata una serie pesante con molte puntate filler, poco interessanti. Gli effetti speciali abbastanza ridicoli hanno risentito maggiormente del passare del tempo, manco tanto visto che la serie è andata in onda dal 1998 al 2002 con due film da un ora e mezza che l'hanno conclusa nel 2003. Le cose migliori sono stati proprio questi due film, pieni di azione e con un enorme passo avanti nella trama.
La stagioni non hanno avuto grandi sussulti, la conclusione è apparsa scontata, spesso sono state usate soluzioni narrative deboli. Quando più volte si ricorre a espedienti di condizionamento mentale e molto di ciò che accade accade nella mente del protagonista, io mi annoio. A rendere il tutto più pesante gli episodi di 50 minuti, sette minuti in più possono sembrare pochi rispetto alla tradizionale durata, ma vogliono riempiti.
In parte, a discolpa dei produttori della serie australiana va detto che probabilmente il budget non era eccezionale, ho visto comunque serie a basso budget con puntate ambientate in un solo luogo con maggiore profondità di temi e soggetti.
Ecco secondo me a questa serie è mancata una forte impronta autoriale con idee che sopperissero alla mancanza di mezzi, peccato visto che tra i produttori c'era la Henson Company, quella dei Muppets, che certo non è nuova in materia di produzioni televisive.
Chiudendo con un bilancio diciamo che le cose negative sono state più di quelle positive, che però ci sono state e qualche volta mi hanno intrattenuto e appassionato un po', certo facendo un paragone con altre serie di genere non esce molto bene.
Purtroppo in tema mi restano da vedere solo due serie: Babylon 5 e Andromeda. Del primo non so molto, me ne sono tenuto lontano per non farmi influenzare. Del secondo ne ho visto qualche puntata e mi pare una mezza scemenza ma gli darò comunque una possibilità.
Ad aprile su SyFy dovrebbe iniziare Defiance, c'è molto hype intorno a questa serie, speriamo mantenga le aspettative suscitate.

Nessun commento:

Posta un commento