lunedì 4 giugno 2012

Copyright.



No, non mi metterò a parlare di certi siti che chiudono e che provocano risentimento, ci sarà tempo per farlo e sono sicuro che la mia opinione andrà controcorrente.
Due fatti che si sono verificati a poca distanza e che mi hanno portato a fare una riflessione abbastanza banale.
Primo: nel forum che frequento dove si parla di serie tv la moderatrice si lamentava che il post che aveva scritto per descrivere una nuova serie tv che stiamo guardando fosse stato copiato di sana pianta senza mettere nessun riferimento da dove era stato preso.
Secondo: l'altro giorno Enzo, caporedattore dei Corpi Freddi, ci chiede se ci crea problemi che alcune delle cose che abbiamo scritto per il blog possano essere usate da una terza parte con indicazione chiara da dove sono state prese con la firma dell'autore. Ci siamo detti d'accordo: porta pubblicità al blog e più lettori si hanno meglio è.
Il primo caso è totalmente sbagliato e ingiusto, la moderatrice lamentava una certa spiacevolezza nella cosa, sostanzialmente ti senti derubato. Parliamo di una persona che si è messa lì, per un ora o due o quello che è e si è impegnata a scrivere qualcosa, quel tempo e quello sforzo andrebbero quanto meno rispettati. Il secondo caso dovrebbe essere la regola e di norma lo è, purtroppo ci sono le eccezioni.
La rete come tante altre cose non è né buona né cattiva, è l'uso che se ne fa che produce risultanze positive o negative. È tutta una questione di educazione, se te l'hanno insegnata la pratichi nella vita di tutti i giorni come sulla rete, se sei maleducato lo sarai anche in rete. Banale come considerazione ma forse non così scontata come sembra.
Per quanto riguarda questo mio blog, non so se scrivo cose degne di essere copiate, spero solo che nel caso mi venga chiesto il permesso, se non usati a fini commerciali, non pongo limiti ma la correttezza, sempre, prima di tutto.

Nessun commento:

Posta un commento