domenica 29 aprile 2012

Glee.




Si, si. Lo ammetto guardo Glee. Bene, appurato questo andiamo avanti.
Non è una recensione, ma una constatazione abbastanza banale ma visto che ho un blog la condivido.
In queste ultime settimane mi è capitato qui e là di leggere pareri abbastanza negativi su questa serie tv, sarebbe facile se fossero di persone che considerano Glee una semplice cagata, in realtà queste critiche vengono da appassionati, da persone che l'estate scorsa si sono fatte il week end a Londra apposta per andare a vedere lo show dal vivo.
In sostanza ci si lamenta di puntate buttate lì un po' così senza veri e propri sviluppi di trama e nessun approfondimento dei personaggi. E io mi sono chiesto: ma non è sempre stato così?
Ho iniziato a vedere Glee l'anno scorso. Fino a quel momento l'avevo guardato con una certa sufficienza pensando che fosse cosa più per ragazzini, in parte ancora oggi è così. La cosa che più mi piaceva del fenomeno erano soprattutto i flash mob dedicati alla serie e poi c'era il fatto che hanno riportato in auge la canzone dei Journey.
Così mi sono messo lì e me lo sono guardato e dopo qualche puntata mi è caduta la mascella in terra. Nella prima stagione la trama orizzontale è così sempliciona e banale che mi sono sentito in imbarazzo per chi lo guarda. Anche pensando ad un pubblico solo di adolescenti siamo ad un livello veramente infimo. Certo va detto, per onestà, che quando parlano di bullismo, omosessualità, diversamente abili, integrazione in genere, fanno opera meritoria. Sono troppo retorici per i miei gusti ma da questo punto di vista gli americani non si fanno tanti scrupoli.
Cosa c'è allora che mi piace di Glee? La cosa migliore, con i dovuti distinguo, sono gli arrangiamenti delle canzoni che cantano e le voci dei protagonisti e mi piace il fatto che riportano alla luce canzoni a volte dimenticate.
In finale credo che si possa dire che Glee non lo guardi certo per la trama, certo una certa curiosità ce l'ho di sapere cosa succede, ma non mi stupisco quando liquidano con una o due battute cose che avrebbero richiesto un episodio. Dovendo compararlo ad altre serie corali ne uscirebbe a pezzi.
Alla fine lo prendo per quello che è: un intrattenimento leggero.

Nessun commento:

Posta un commento